La nostra storia

L’Associazione è nata nel corso del 2004 per iniziativa di due suoi soci (Giuseppe Bussolati e Claudia Caffarelli), al ritorno da un trekking in Nepal, nella regione dell’Annapurna.

Ciò che spinse Beppe e Claudia a costituire un’associazione fu frutto dell’incontro con un giovane portatore nepalese (Santosh Koirala), che espresse loro il desiderio di voler aiutare i bambini più poveri di Kathmandu ad avere un’istruzione elementare, un pasto caldo giornaliero e cure sanitarie di base.

Santosh aveva maturato negli anni questo progetto coraggioso partendo dalla propria esperienza personale. Il padre, infatti, nonostante le difficoltà economiche in cui versava la famiglia fece tutto il possibile affinchè il figlio potesse studiare. Durante il trekking del 2004 poi Beppe e Claudia acquisirono la consapevolezza delle condizioni di estrema povertà e di diffuso analfabetismo in cui viveva e tuttora vive la maggior parte dei bambini nepalesi. Non dissimile dalla situazione dei portatori di montagna, una vita fatta di fatica, sacrifici e miseria, ma non per questo priva di orgoglio e valori. Da allora, la loro voglia di realizzare qualcosa di concreto per quella popolazione e per quel ragazzo volenteroso (che hanno poi aiutato a diventare una guida di trekking) si è espressa nella volontà di costituire un’associazione al fine di coinvolgere altri che condividessero questo progetto. Fu così che nel marzo del 2012, sette persone, tutti amici ed anche appassionati di montagna, si riunirono in associazione per dar voce e concretezza a queste idee.

L’associazione dal dicembre del 2013 è diventata una O.N.L.U.S., ed oggi conta diversi soci.